La Sacra incompiuta - Dalla Superbia all'abbandono - Luoghi Fantasma

Luoghi Fantasma
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Sacra incompiuta - Dalla Superbia all'abbandono

Luoghi Fantasma > Italia > Veneto
Provincia: Vicenza
Tipologia: Chiesa
Stato attuale: Discreto
Periodo edificazione: 1931
Periodo abbandono: Seconda Guerra Mondiale
Motivo abbandono: Conflitto bellico
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Con restrizioni
 
 
Il paese di Brendola, per anni, è stato vittima di scontri campanilistici fra gli abitanti che esasperarono non poco chi cercò di risolverli così, nel 1926, i quattro parroci di Brendola fondarono un comitato per la costruzione di un’unica chiesa che accentrasse, spiritualmente e geograficamente, la popolazione in un unico luogo.
Una volta individuato il terreno, il Vescovo diede il suo benestare (1928) e la prima pietra fu posata nel 1931; la costruzione della chiesa unì molti brendolani anche di diverse fazioni, dando ragione ai parroci che vollero tale soluzione.
Nel 1933 la costruzione iniziava a prendere forma ma l’arciprete si ammalò e i lavori rallentarono; Una volta terminata la facciata fu posta una statua di San Michele Arcangelo alta 4 metri.
I problemi nacquero all’inizio del secondo conflitto mondiale, quando il cantiere dovette fermarsi per cause mai chiarite e non ripartì mai più.
Rimane una costruzione incompiuta di quasi 30 metri e 1124 metri quadrati.
Il completamento era davvero vicino, ma ci sono almeno sessanta anni di abbandono che avranno intaccato la costruzione.
Pare che al momento siano stati avviati progetti di riqualificazione e che, durante il terremoto dell’Emilia Romagna, nel 2012, la testa del Santo sia caduta dalla statua e che, nonostante l’altezza da cui è caduta, sia rimasta integra e, successivamente, rimessa al suo posto.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Simone Caneva
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu