Cimitero di San Finocchi - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cimitero di San Finocchi

Luoghi Fantasma > Italia > Toscana
Provincia: Pisa
Tipologia: Cimitero
Stato attuale: Mediocre
Età di edificazione: Fine XIX secolo
Data di abbandono: 1978
Motivo dell’abbandono: Chiusura manicomio
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Vietata
A Volterra, proprio nelle adiacenze dell’ex manicomio, c’è anche il suo vecchio cimitero, volto a completare l’atmosfera già abbastanza cupa del luogo.
Il cimitero, denominato di San Finocchi, si trova in un terreno confinante con la proprietà della struttura menzionata ed è caratterizzato dalla presenza di tombe formate da una semplice croce di cemento priva di nome o data.
I degenti sepolti qui sono quelli che non sono mai stati reclamati dalle famiglie e che, quindi, non avevano nessuno che li seppellisse.
L’ingresso non è consentito, bisogna chiedere il permesso al comune, le condizioni sono davvero pessime, dietro il muro di cinta ed il cancello chiuso a chiave, si cela un abbandono molto più profondo di quanto sembri; i degenti, già abbandonati a loro stessi all’interno del manicomio, sono stati abbandonati anche alla loro dipartita.
Il cimitero, in seguito all’abbandono del manicomio stesso, ha subito l’ennesimo abbandono che lo ha portato al deterioramento in tempi davvero molto rapidi.
Una storia vuole che il direttore del manicomio, Luigi Scabia, sia stato seppellito qui, per suo volere, assieme ai degenti dimenticati.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu