Cava Henraux - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cava Henraux

Luoghi Fantasma > Italia > Toscana
Provincia: Lucca
Tipologia: Cava
Stato attuale: Dismessa
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Libera

Nel 1821 Marco Borrini di Serravezza divenne proprietario della gran parte degli agri marmiferi nella zona del monte Altissimo e costituì, assieme al francese Jean Baptiste Alexandre Henraux una società con lo scopo di riaprire le cave che erano state già da qualche tempo chiuse.

In accordo con le istituzioni del tempo il progetto fu realizzato ed ebbe un immediato successo con l’apertura di ben 132 cave.
Le commissioni a questa società iniziarono a provenire da tutto il mondo, nel 1845 fu ordinato dallo Zar di Russia un grosso quantitativo di marmi per la costruzione della Cattedrale di Sant’Isacco a San Pietroburgo; lo scultore Hiram Powers fece largo uso di questi materiali per le sue opere.
Numerose anche le opere realizzate in Vaticano e famosa è anche la ricostruzione dell’abbazia di Montecassino distrutta durante il secondo conflitto mondiale.
Ad oggi molte di queste cave si sono esaurite o sono scaduti i permessi di escavazione lasciando, spesso delle immense ferite nelle montagne.

Tra queste vi è proprio la cava situata in Val d’Arni, nel comune di Stazzema, che non ha subito ancora nessun tipo di recupero.
Splendido l’ingresso a guisa di tunnel che si protrae per decine di metri verso l’alto.
Molto pericolosi gli scavi che all’interno evidenziano vuoti notevoli, con pareti verticali impressionanti.

Se qualcuno avesse maggiori informazioni sulla cava e volesse condividerle ne saremmo felicissimi.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Fabio Di Bitonto
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu