Cimitero di Castell'Apertole - La solitudine fra le risaie - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cimitero di Castell'Apertole - La solitudine fra le risaie

Luoghi Fantasma > Italia > Piemonte
Provincia: Vercelli
Tipologia: Cimitero
Sato attuale: Cattivo
Età di edificazione: XVI secolo
Data di abbandono: Sconosciuta
Motivo dell’abbandono: Perdita della funzione
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Con restrizioni
L’immagine più nota di questo cimitero è quella in cui è circondato dalle acque delle risaie.
Per noi, che ci siamo stati in estate, è stato quasi naturale trovare il riso oramai ingiallito e pochissima acqua;
in compenso, però, le rane non mancavano e ci hanno fatto molta compagnia.
Ci troviamo nel vercellese, in una zona, dove forse l’abbandono è più abbondante della vita, almeno quella umana.
Castell’Apertole è un’antica Grangia sorta intorno al VI secolo e di questa rimangono un antico castello e altre strutture che, oggi, fanno parte di un complesso avente un agriturismo e un B&b.
Il cimitero perde le sue origini in un tempo sconosciuto, mentre le sue lapidi sono oramai consumate dal tempo.
Non si sa esattamente quando sia stato abbandonato, sconsacrato e privato dei suoi ospiti, ma qualcosa è rimasto e non è chiaro cosa si nasconda sotto l’alta erba e le pietre funerarie.
Il muro di mattoni, nel lato opposto all’ingresso, conserva una cappelletta minuscola, dove sono riposte le lapidi rotte e altri pezzi di quelli che erano i monumenti funerari di chi fu sepolto lì.
Si parlava, tempo addietro, di lavori di restauro per valorizzare quello che è stato uno degli esempi di architettura cimiteriale tipica del luogo, ma i lavori non sono mai stati completati e il cimitero di Castell’Apertole rimane ancora un luogo dimenticato e isolato.
__________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Fabio Di Bitonto
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu