Castello Bonavalle - L'ospedale mancato - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Castello Bonavalle - L'ospedale mancato

Luoghi Fantasma > Italia > Piemonte
Provincia: Cuneo
Tipologia: Castello
Stato attuale: Rudere
Età di edificazione: XIV secolo
Data di abbandono: Inizio XX secolo
Motivo dell’abbandono: Cessione a ente pubblico
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Non consentita
Il castello, destinato ad uso prevalentemente rurale, risulta essere, dai primi documenti datati XIV secolo, una specie di proprietà comune fra vari Signori della zona.
Inizialmente aveva, senza dubbio, una funzione difensiva, ma con una forte vocazione agricola, anche grazie alla fertilità dei luoghi; in seguito alla perdita della funzione di roccaforte difensiva divenne una specie di residenzadi campagna.
La proprietà, comunque, nel corso del tempo, ha avuto molteplici proprietari ed è stata abitata sino agli inizi del ‘900, quando fu poi donata dal suo ultimo proprietario al comune di Racconigi con la promessa, però, di farlo diventare un ospedale per senzatetto. Il proprietario, oramai anziano, non vide mai realizzata la sua richiesta, ma nemmeno i posteri, poiché, tale progetto, si arenò nel giro di poco tempo.
La donazione e la mancata attuazione del progetto comportarono uno stato di abbandono che ha portato il castello, oggi, ad essere solamente un rudere, con la perdita di tutto quello che di bello c’era al suo interno e al declino inesorabile dei suoi splendidi esterni.
Il castello è divenuto successivamente proprietà privata con l’intento, però, di restaurarlo, opera assai ardua a causa dei costi ovviamente elevati non supportati dallo Stato….
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Michele T.
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu