Ferrovia abbandonata a San Severino di Centola - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ferrovia abbandonata a San Severino di Centola

Luoghi Fantasma > Italia > Campania
Provincia: Salerno
Tipologia: Ferrovia
Stato attuale: Discreto
Periodo edificazione: Anni '20/'30
Periodo abbandono: anni ‘80
Motivo abbandono: Costruzione nuovo tracciato
Accesso: Su sentiero
Modalità di visita: Libera

Quando si visita il borgo abbandonato di San Severino di Centola non si può rinunciare a visitare anche il breve tratto di Ferrovia abbandonata.
Questo tratto ferroviario faceva parte della vecchia strada ferrata che collegava Salerno a Reggio Calabria; oltre ad attraversare un vecchio ponte di epoca fascista con tanto di ornamenti tipici dell'epoca, si può attraversare una breve galleria e, il percorso delle vecchie rotaie, oggi rimosse, si perde nella vegetazione per poi riaffiorare in molti tratti che sono stati riconvertiti in strada.

Il tratto sarebbe collegato alla variante di tracciato Ascea - S. Mauro la Bruca attraverso una galleria presente nella moderna stazione di San Severino di Centola che, però, non abbiamo individuato visto che la stazione è in funzionamento. La galleria, dal lato della suddetta variante, è murata quindi non esiste possibilità di accesso/uscita ed è inutile cercare di imboccarla, visto che è lunga oltre 3 Km e, molto probabilmente, vista l'attività della linea, sarebbe anche illegale.
In ogni caso è estremamente suggestivo percorrere queste poche centinaia di metri su una vecchia linea dismessa.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Fabio Di Bitonto
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu