Eremo di San Giorgio - Nascosto fra le rocce - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Eremo di San Giorgio - Nascosto fra le rocce

Luoghi Fantasma > Italia > Marche
Provincia: Ascoli - Piceno
Tipologia: Eremo
Stato attuale: Rudere
Periodo edificazione: XIV secolo
Periodo abbandono: XX secolo
Motivo abbandono: Abbandono culto e sisma
Accesso: Su sentiero
Modalità di visita: Libera
L’eremo di San Giorgio fu costruito in una posizione molto isolata sotto una caratteristica rupe di travertino rosa godendo del silenzio del bosco e della tranquillità di una zona che è rimasta incontaminata sino al secolo scorso.
La costruzione della struttura sembra volutamente di enorme impatto scenografico, perché sembra incastonata come un gioiello in una matrice naturale; le prime notizie riguardanti questa costruzione risalgono alla prima metà del XIV secolo, attraverso i documenti attestanti la sua presenza come ospedale dedicato alla cura dei lebbrosi per mezzo delle vicine sorgenti di acque sulfuree.
Nel 1382 i frati lo requisiscono e lo trasformano in eremo che manterrà la sua funzione, nonostante il passaggio dello stesso di ordine monastico in ordine monastico, sino all’unità d’Italia, quando vennero soppressi gli Ordini e l’eremo divenne proprietà privata.
L’abbandono vero e proprio risale alla seconda metà del XX secolo in seguito alla perdita del culto di San Giorgio ed anche al rapido disfacimento della struttura dettato dal clima e dai terremoti che hanno flagellato la zona sin dalla sua costruzione.
Per le immagini dobbiamo ringraziare Federico Panchetti che, assieme a molti suoi amici, sta portando avanti un progetto splendido per il recupero e la valorizzazione del
borgo abbandonato di Laturo situato molto vicino a questo eremo e non solo. Tutte le iniziative si possono trovale a questo indirizzo http://www.borgodilaturo.it

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Federico Panchetti
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu