Farina - Nel cuore dell'Australia - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Farina - Nel cuore dell'Australia

Paesi Fantasma > Mondo > Australia
Regione: South Australia
Tipologia: Borgo rurale e minerario
Stato attuale: Ruderi
Periodo edificazione: 1878
Periodo abbandono: anni’70
Motivo abbandono: Aridità
Accesso: Su strada sterrata
Modalità di visita: Libera

La città di Farina è un vecchio insediamento posto nel sud dell’Australia che è stato abbandonato in seguito a condizioni climatiche sfavorevoli; si trova in pieno deserto e quindi le condizioni di vita sono piuttosto dure, basti immaginare che la piovosità media sia 160 mm annui (in Italia la media è di circa 1000 mm).
La popolazione nel territorio di Farina, nel 2006, era di 55 abitanti, ma questi sono dislocati in una vasta area comprendente anche alcune attività turistiche e commerciali come campeggi e strutture annesse.

La cittadina è in rovina e disabitata oramai da decenni come testimoniano le sue strutture; alcuni volontari han deciso di riprovare a darle vita facendola rivivere innanzitutto attraverso il turismo mettendo in sicurezza le strutture della ghost town e aggiungendo qua e là alcuni pannelli esplicativi, poi, forse un po’ utopicamente, anche attraverso il reinserimento di abitanti che la riportino letteralmente in vita.
Farina si trovava sull’antica strada ferrata del Ghan di cui è stata capolinea sino al 1884, anno in cui la linea fu ampliata; originariamente si chiamava “The Gums” e fu fondata nel 1878 da un gruppo di agricoltori estremamente ottimisti che vollero popolare questo luogo sotto lo spirito del detto “la pioggia segue l’aratro”.
Complici alcuni anni piovosi intorno al 1880, la città conobbe un discreto sviluppo e la coltura di orzo e grano ebbe un grande successo e con esse furono anche aperte alcune miniere di rame ed argento che furono fortemente sfruttate.
Nel suo periodo aureo Farina arrivò a circa 600 abitanti e ciò accadde a cavallo fra l’800 e il ‘900; la cittadina aveva addirittura due alberghi dai nomi altisonanti (il Transcontinental e l’Exchange);

la produzione di grano consentiva di avere un grande panificio sotterraneo, una banca, addirittura due fabbriche di birra, uno spaccio, una chiesa anglicana, cinque botteghe di fabbri, una scuola e un bordello.
Ad inizio del ‘900 divenne famosa anche per un importante ritrovamento, cioè un grande meteorite di 1143 Kg nella zona nord  della città e questo fu il suo ultimo momento di gloria.
A causa delle scarse precipitazioni la coltura dei cereali iniziò ad essere veramente molto difficile e la popolazione, relativamente numerosa, costringeva a destinare la poca acqua del serbatoio ad uso umano e non all’irrigazione; iniziò così un lento spopolamento che riuscì a far sopravvivere Farina sino alla metà del secolo grazie all’equilibrio creatosi fra la spartizione delle scarse risorse idriche fra i pochi abitanti e le colture.
Nel 1960, a causa dell’esigua popolazione rimanente, l’ufficio postale fu chiuso e venti anni dopo, nel 1980, anche la ferrovia seguì la stessa sorte.

Gli unici a rimanere sono i proprietari della vecchia stazione di Farina che decisero di farne un campeggio che esiste tuttora.
Una curiosità: a pochi Km dalla cittadina è presente il cimitero che possiede un “angolo afgano” dove sono presenti diverse lapidi sia in inglese che in arabo; sono presenti anche molte lapidi senza alcuna iscrizione che stanno a ricordare tutti gli immigrati afgani che sono stati inghiottiti dal deserto e di cui non si è saputo più nulla.

Tutte le lapidi dell’”angolo afgano” sono rivolte verso La Mecca.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto:

Da Panoramio

Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu