Ağdam - La guerra e una città di confine - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ağdam - La guerra e una città di confine

Paesi Fantasma > Mondo > Azerbaigian
Regione: Askeran (AZ)
Tipologia: Città a stampo rurale
Stato attuale: Ruderi
Periodo edificazione: XVIII secolo
Periodo abbandono: 1994
Motivo abbandono: Bombardamenti
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Libera

Ağdam (Akna in armeno, detta anche Aghdam, Aġdam o Աղդամ) è una cittadina di origine armena situata in una zona di confine dell’Azerbaigian, nella regione di Askeran, proprio a ridosso dell’Armenia.

Tra il 1992 e il 1994, durante il conflitto Nagorno Karabakh, la cittadina fu conquistata dalle forze armene e quindi adesso si troverebbe all’interno della repubblica del Nagorno Karabakh autoproclamatasi alla fine del conflitto stesso.

La cittadina di Ağdam non è molto antica, fu fondata nel XVIII secolo e non ebbe particolare sviluppo sino all’inizio dell’800, quando ottenne anche lo status di città. L’etimologia del termine è certa e vuol dire bianca casa (vuol dire bianca e Dam vuol dire casa), quindi si riferisce a qualcosa di splendente al sole, simbolo di un luogo buono per le coltivazioni.
Questa città, quando scoppiò il suddetto conflitto, contava oltre 60.000 abitanti e fu immediatamente conquistata dall’esercito del Nagorno Karabakh poiché era strategicamente importantissima a causa della sua vicinanza con la cittadina di Stepnakert, luogo dai cui erano partite la maggior parte delle controffensive azere.
La città fu sottoposta ad un incessante bombardamento e ad una offensiva di oltre seimila soldati; al termine di ciò, quando gli armeni entrarono nella città, trovarono solamente i ruderi di una città che fu e nessun abitante, tutti erano scappati e avevano abbandonato le proprie cose.

Dopo i bombardamenti e la guerra, le forze armene decisero di rendere ancor più inospitale la città distruggendo quanto fosse rimasto in piedi, in maniera tale da scoraggiare qualsiasi tentativo di riconquista da parte del governo azero.
Poiché questa repubblica indipendente non è stata riconosciuta a livello internazionale, Ağdam si considera ancora appartenente allo stato azero.

Dato il numero di abitati che contava prima di essere abbandonata Ağdam è senza dubbio fra le città abbandonate più grandi al mondo.

Sono poche le strutture rimaste in piedi, una di queste è la maggiore moschea della cittadina che comunque versa in condizioni cattive.
Ağdam attualmente non si può dire che non conti alcun abitante, anzi, ce ne sono circa 350 ma vivono tutti nell’estrema periferia e si tratta di contadini che han recuperato delle terre da coltivare o da utilizzare come pascolo per i propri animali.
_______________________________________________________________________________________________________________________________

Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto:



bahruz asadbeyli
Pietro75
Vae Isakhanian
Haji Aydin
Ismail32
Rovshan Talishinski
Igityan 
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu