Villaggio Olimpico Abbandonato - La dimostrazione di forza dimenticata - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Villaggio Olimpico Abbandonato - La dimostrazione di forza dimenticata

Luoghi Fantasma > Estero > Germania
Città: Elstal
Tipologia: Villaggio Olimpico
Stato attuale: Discreto
Età di edificazione: anni '30
Data di abbandono: 1992
Motivo dell’abbandono: Caduta muro di Berlino
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Non consentita
Le Olimpiadi del 1936, le numero XI, furono il trionfo della Germania con la vittoria di ben 89 medaglie, seguite dagli USA con “solo” 56. Questo tempio dello sport tedesco sarebbe dovuto, forse, essere un museo, un luogo in cui si poteva parlare della storia dello sport tedesco, ma così non è stato. 
Forse perché il tutto accadde in piena epoca nazista, con Hitler che gongolava di fronte a tante vittorie… di sicuro c’è che questo luogo, autentica leggenda, è stato abbandonato, ma non subito.
Durante la seconda guerra mondiale fu trasformato in un centro di addestramento militare; dopodiché divenne un campo profughi per i rifugiati dai luoghi occupati dal regime, almeno finché non giunsero i russi.
Con l’avvento dei russi, questo immenso villaggio olimpico divenne un campo di addestramento militare, con tanto di dipinti e affreschi che richiamavano le gesta dell’armata rossa in Europa.
In questo momento storico soggiornavano anche 40.000 soldati ed era parte integrante del gigante rosso che avvolgeva quella parte dell’Europa durante la guerra fredda, terminata nel 1992.
Da quel momento fu abbandonato.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: 
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu