Hotel del Salto - La decadenza della bellezza - Luoghi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Hotel del Salto - La decadenza della bellezza

Luoghi Fantasma > Estero > Colombia
Regione: Tequendama (Colombia)
Tipologia: Hotel
Stato attuale: Restaurato
Periodo edificazione: 1924
Periodo abbandono: anni ‘90
Motivo abbandono: Cessazione attività
Accesso: Su strada
Modalità di visita: A pagamento (Museo)
L’Hotel del Salto è stato uno degli alberghi più famosi al mondo; si trova in Colombia e fu costruito a strapiombo sul fiume Bogotà, dinanzi alle sue splendide cascate alte ben 157 metri e il progetto fu opera dell’architetto Arturo Tapias.
Il nome originale della struttura era “The Mansion of Tequendama Niagara” che poi divenne il “Tequendama Falls Hotel”.
Il nome “Hotel del Salto” fu ancora successivo ma probabilmente ha portato moltissima sfortuna siccome, nonostante richiamasse la sua splendida posizione, divenne anche l’emblema del numero incredibile di persone che han trovato la morte nella struttura.
L’hotel fu inaugurato nel 1924 e divenne immediatamente famoso in Colombia grazie alla sua splendida vista e posizione; la fama iniziò a oltrepassare i confini nazionali e l’albergo iniziò ad essere frequentato da gente proveniente da ogni angolo del globo.
Negli anni ’40 l’hotel visse una contraddizione enorme: era frequentato da turisti ed uomini d’affari ma, allo stesso tempo, nel bar dell’hotel c’erano tanti alcolizzati che lo affollavano a tutte le ore e, in preda all’alcool, davano spesso luogo a risse che terminavano nel peggiore dei modi, vale a dire con un volo dalla terrazza che dà sul fiume Bogotà.
Negli anni ’50 fu approvato un progetto secondo cui l’hotel dovesse essere ampliato con una struttura alta almeno diciotto piani, ma la costruzione non iniziò mai.
La fama dell’hotel, inoltre, diede luogo ad un problema a dir poco insano: arrivavano da tutto il mondo squilibrati che decidevano di alloggiare nell’hotel solo per poi togliersi la vita, per questo l’hotel fu anche ribattezzato”L’hotel dei suicidi”.
Nonostante la fama sinistra e i suoi tanti problemi, l’attività continuò sino agli anni ’90, quando per motivi non conosciuti fu chiusa.
Sono state molte le storie che sono circolate circa la sua chiusura, quella più banale e conosciuta riguardava gli spettri delle tante persone defunte per morte violenta o per suicidio che disturbavano gli ospiti.
Dopo un po’ di tempo dalla chiusura, i vecchi gestori spiegarono che questa era dovuta all’insalubrità del luogo, infatti, a causa del fiume Bogotà inquinato, l’aria non era molto gradevole e la vista meravigliosa della cascata dall’hotel era diventata una sofferenza per chi aveva un buon olfatto.
Dal giorno dell’abbandono l’hotel è stato chiuso e nessuno vi ha messo piede, tranne qualche cacciatore di fantasmi rimasto molto deluso; recentemente l’hotel è stato acquisito dallo stato che ne ha fatto un museo: “Il museo della biodiversità e della cultura”.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: 

Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2018 ©Fabio Di Bitonto Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Torna ai contenuti | Torna al menu