Rione Terra - La stratigrafia della storia - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rione Terra - La stratigrafia della storia

Paesi Fantasma > Italia > Campania
Provincia: Napoli
Tipologia: Città portuale
Stato attuale: Strutture ben conservate
Periodo edificazione: 529 a.C.
Periodo abbandono: anni '90
Motivo abbandono: Bradisismo
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Non consentita

Per descrivere il Rione Terra di Pozzuoli, occorre inevitabilmente prendere a prestito un’espressione usata da Alberto Angela in una puntata di Superquark “C’è un quartiere dove i capitoli della lunga storia di Pozzuoli si sono sovrapposti come pagine di un libro: il Rione Terra”. Nessuna espressione può essere più esatta di questa. Infatti, di tutto il territorio puteolano, la rocca del Rione Terra è l’unico luogo che è stato protagonista di tutte le evoluzioni storiche. Dai primi anni della colonizzazione greca e romana fino all’epoca moderna. Secondo lo storico greco Strabone, la rocca era da considerarsi lo sbarco di Cuma e fu qui quindi che con ogni probabilità, nel 529 A.C. sbarcarono gli esuli dell’isola di Samo e fondarono Dicerachia, il governo dei giusti. Fu però in epoca romana che Pozzuoli e la rocca conobbero il loro periodo di maggior splendore.
Pozzuoli per secoli è stato, prima della nascita di Ostia, il maggior porto di Roma e conseguentemente la città ne giovò. L’allora Puteoli venne dedotta a colonia romana nel 194 A.C. ed aveva proprio nella rocca il suo cuore pulsante. Con la nascita del porto di Ostia prima ed il decadimento dell’Impero Romano poi, Pozzuoli cadde velocemente in declino, fino a che la vasta città che si estendeva fino a comprendere la moderna Bacoli, si ridusse proprio alla piccola rocca del Rione Terra. E da questo momento (siamo circa nel 400 D.C.) che questo angolo di città inizia a “stratificarsi”.
Le culture che si sono succedute hanno costruito le loro botteghe le loro abitazioni su quelle che un tempo erano le mura romane. L’esempio più lampante di questo fenomeno è senza dubbio è il Duomo della città di Pozzuoli che fu edificato proprio sulle mura del Tempio di Augusto. Il Duomo costruito in epoca di dominazione spagnola ingloba il Tempio di epoca romana, che a sua volta inglobava templi di più antica fattezza.
Il passare dei secoli ci porta fino ai recentissimi anni ’60 quando il Rione Terra era ancora centro pulsante della città ed il passare dei secoli avevano ormai nascosto le costruzioni dei tempi romani. Il 2 marzo del 1970 la rocca venne evacuata a seguito di uno dei frequenti sciami bradisismici della storia di Pozzuoli. Da qual momento in poi la rocca sarà abbandonata. Questo abbandono finirà nei primi anni ’90 quando finalmente si decide di rimettere a nuovo quello che da sempre è stato il cuore pulsante di un intero popolo avente una storia millenaria. Fu proprio durante i primi lavori di ripristino che la storia romana è riaffiorò.

Oggi al di sotto del Rione Terra c’è un intero percorso archeologico quasi perfettamente conservato che rende l’idea di cosa fosse il Rione Terra 2000 anni fa. Senza esagerazioni si può dire che questa rocca sia uno museo a cielo aperto di tutta la storia puteolana dal 500 A.C. fino ai giorni nostri.
______________________________________________________________________________________________________________________________________________


Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu