Noto - La porta della Sicilia - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Noto - La porta della Sicilia

Paesi Fantasma > Italia > Sicilia
Provincia:  Siracusa
Tipologia:  Città Fortificata
Stato attuale: Ruderi
Periodo edificazione:  428 a.C.
Periodo abbandono:  1702
Motivo abbandono:  Terremoto
Accesso:  Su strada
Modalità di visita:  Libera
Noto Antica è un vecchio borgo posto sul promontorio Alveria nella provincia Siracusa.

La notte del 9 gennaio del 1693, alle 3.45, una scossa fece letteralmente sobbalzare la Sicilia orientale; un’altra, ugualmente distruttiva, giunge dopo solo un’ora.

Il sisma, conosciuto come "Il terremoto della val di Noto", è stato calcolato avesse una magnitudo pari a 7.4 della scala Richter, il terremoto più forte mai avvenuto in territorio Italiano.

Si calcola che sia stato anche fra i primi trenta terremoti più devastanti della storia.
Migliaia di persone persero la vita e decine di centri abitati furono spazzati via, compresa Ragusa.

Le scosse andarono avanti per tre giorni, riducendo la popolazione rimasta in vita allo stremo e costringendola ad abbandonare i luoghi natii per spostarsi altrove, dove la distruzione era stata minore.
Noto Antica era uno dei luoghi prossimi all’epicentro; la sua distruzione avvenne dopo oltre un millennio di storia da protagonista.

Questo centro fu fondato nel 428 a.C. da Ducezio, il re dei Siculi ed ebbe un enorme sviluppo durante il regno Arabo.

Il sito è stato scelto da Ducezio poiché pare fosse sempre in guerra con i Greci e ritenne che un luogo con tali difese naturali potesse fare al caso suo.
Infatti, alti costoni rocciosi e profonde valli caratterizzavano la zona, senza contare che dal quel punto del monte Alveria era possibile scorgere il mare Jonio ed era agevole anche la rapida discesa alla spiaggia in caso di attacco.

Ducezio rese questo luogo una rocca inespugnabile, infatti, mai fu conquistata con la forza.

La storia di Noto Antica si chiuse definitivamente nel 1702, nove anni dopo quei terribile tre giorni di sisma.

Nei nove anni intercorsi fra il sisma e l’abbandono, molti abitanti, cercarono di rimettere in sesto il paese, ma vi rinunciarono quando gli stenti e la fame iniziarono ad essere eccessivi e così raggiunsero gli altri compaesani trasferitisi sulle coste nei centri già ricostruiti.
La città, alla sua nascita, era un fiorire di cultura, all’epoca era famosa per i suoi filosofi ed i suoi ginnasti; era anche famosa per la lavorazione delle pelli, per le lane pregiate, per le coltivazioni di riso, ulivi e viti ed era anche ricca di mulini.

Noto nel tempo è diventata importante, come detto, e in quanto tale, nella sua storia, furono molte le chiese ivi costruite, alcune importantissime e famose nella zona.

Noto Antica possedeva anche un monastero cistercense costruito a pochi chilometri dal centro abitato; si racconta che il monastero possedesse le reliquie del santo patrono San Nicolò da Noto, rinchiuse in teche d’argento.
Come ogni borgo importante che si rispetti, anche Noto possedeva i suoi palazzi: Palazzo Landolina e Palazzo Impellezzeri, di cui però, non sono
giunte informazioni.
Quando si giunge a Noto Antica, è possibile osservare alcuni punti delle imponenti mura che la caratterizzavano, che, nonostante i sismi e il tempo, sono rimaste in piedi.

Le mura s’interrompevano solamente per i due ingressi principali posti a nord e sud, per gli altri sette ingressi invece la fortificazione era comunque presente.

Del palazzo reale sono ancora visibili le torri e dell’antica prigione si possono, addirittura, osservare alcuni graffiti nelle vecchie celle opera dei detenuti.

Oltre a queste costruzioni più recenti, si possono osservare anche alcune costruzioni di epoca greca, come il ginnasio e l’Heroon, individuati grazie ad alcune iscrizioni presenti in zona.
La città nuova di Noto è stata ricostruita più vicina al mare, anche perché non c’era più bisogno delle fortificazioni e i tempi erano cambiati.
Nella zona archeologica di Noto possiamo ammirare anche altri elementi interessanti, come necropoli risalenti al IX e VIII sec a.C., la catacomba ebraica all’interno di una grotta (detta del carciofo), le antiche concerie, i vecchi mulini, la grotta delle cento bocche e la porta d’ingresso alla città con incise le parole "Numquam vi capta", ed in effetti, così fu, solo il sisma la vide arrendersi.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto:
 
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu