Narbona - Il paese impossibile - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Narbona - Il paese impossibile

Paesi Fantasma > Italia > Piemonte
Provincia: Cuneo
Tipologia: Borgo di montagna
Stato attuale: Ruderi
Periodo edificazione: Sconosciuto
Periodo abbandono: Tra il 1950 e il 1962
Motivo abbandono: Spopolamento
Accesso: Da sentiero (1h e 30’)
Modalità di visita: Libera, ma pericolo crolli
Tra le frazioni disabitate della Valle Grana in provincia di Cuneo, Narbona di Castelmagno è certo la più affascinante. Dal momento in cui è stata
abbandonata (1960), ha visto crescere la sua fama, paradossalmente, in parallelo con la sua rovina. E’ divenuta quasi un simbolo (con tanto di alone leggendario) dell’antica civiltà della montagna e del suo drammatico spopolamento.
Gran parte del fascino di Narbona risiede nel mistero delle sue origini e, soprattutto, nella sua posizione “impossibile”: in fondo ad un bellissimo vallone che si diparte dall’abitato di Campomolino e prosegue sempre salendo fino alla cima del Monte Tibert, in fortissima pendenza, raggiungibile solo attraverso due sentieri difficilmente percorribili per molti mesi all’anno a causa delle valanghe.
Si tratta di uno splendido esempio di adattamento abitativo in un contesto di alta montagna, che per la particolare conformazione del territorio sembrerebbe inadatto a qualsiasi insediamento umano. Eppure per secoli qui hanno vissuto molte famiglie – all’inizio del Novecento 26 (circa 120 persone), con un centinaio di mucche (e altri animali domestici) – insomma un’intera comunità, con tanto di chiesa e, per alcuni decenni, anche di scuola elementare.
Nonostante la rovina, i crolli, e i ripetuti saccheggi, Narbona conserva alcuni edifici in puro stile alpino con caratteristiche architettoniche particolari e di grande interesse. Il contrasto tra i residui segni della vita di un tempo e la generale situazione di degrado è più forte che in qualsiasi altra frazione abbandonata e suscita un’emozione particolare nei visitatori più attenti. Negli ultimi 50 anni più di una volta si sono levate voci per auspicarne il
recupero e si sono imbastiti progetti, ma non si è mai arrivati a qualcosa di concreto.
Nel corso del 2010 il Centro Culturale Detto Dalmastro di Castelmagno ha promosso un progetto denominato “Una casa per Narbona” che si propone la raccolta e lo studio di tutto quanto è possibile riguardante la frazione (oggetti, mobilia, manufatti originali, documenti storici, antiche fotografie, testimonianze scritte e orali). Si è formato un gruppo di lavoro, composto da appassionati, ricercatori e studiosi che stanno ricostruendo in modo interdisciplinare la storia di Narbona.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Flavio Menardi Noguera

Foto: Angelo Artuffo

Per Maggiori informazioni ed altre immagini:
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Torna ai contenuti | Torna al menu