Luvega - Un luogo umido - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Luvega - Un luogo umido

Paesi Fantasma > Italia > Liguria
Provincia: Genova
Tipologia: Borgo rurale
Stato attuale: Ruderi
Periodo abbandono: anni '70
Motivo abbandono: Ubicazione non ottimale
Accesso: Su sentiero
Modalità di visita: Libera
Piccola frazione del comune di Montoggio ormai abbandonata il cui toponimo dovrebbe derivare dal Genovese “luvega” ovvero luogo umido, anche se la posizione è a mezzogiorno, tutto fa pensare tranne che ad un luogo umido.
Edificata sul lato destro del torrente Laccio, proprio davanti al monte Acuto, dal piccolo borgo è possibile vedere quello che rimane di altre piccole frazioni, sempre del comune di Montoggio. Il paese è costituito da una decina di case delle quali la metà ormai dirute, realizzate con solai in latero cemento e piccoli terrazzini con ringhiere in ferro battuto.
Nella casa posta al centro del paese al piano terra è ancora ben visibile una cucina con alcune suppellettili e quello che resta di un adiacente lavello. A Luvega nel dopoguerra arrivo anche la corrente elettrica, come testimonia un palo in legno con relativo lampione e come dimostrano alcuni vecchi frigoriferi e televisori.
Il paese fu completamente abbandonato nei primi anni ’70 del secolo scorso. Arrivare a Luvega oggi non è affatto semplice: due le possibilità.
La prima dalla frazione di Montemoro raggiungibile dalla strada statale 226 di Laccio in circa un’ora. La seconda salendo dalla località Campelo per tracce di sentiero non facilmente rintracciabili.

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Paolo De Lorenzi

Foto: Paolo De Lorenzi
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu