Gioiosa Guardia - La sentinella - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gioiosa Guardia - La sentinella

Paesi Fantasma > Italia > Sicilia
Provincia: Messina
Tipologia: Borgo fortificato
Stato attuale: Ruderi
Periodo edificazione: 1300 ca.
Periodo abbandono: 1783 - 1813
Motivo abbandono: Sisma
Accesso: Su sentiero
Modalità di visita: Libera
Gioiosa Guardia, o Vecchia, è ormai un soltanto un ricordo; i suoi ruderi svettano sulla cima del monte Meliuso, a 750 metri d’altitudine, in provincia di Messina.
La fondazione fu ad opera di Vinciguerra d’Aragona, sotto il regno di Federico III di Aragona ed aveva libertà sulla costruzione di fortificazioni e torri, molto presenti, affinché potesse difendersi dagli attacchi dal mare dei pirati.
Inizialmente, sulla cima del monte, fu costruito un castello da cui poi si sarebbe sviluppato il centro abitato.

Il castello fu edificato nel XIII secolo e nel secolo successivo la popolazione circostante iniziò a stabilirsi nelle adiacenze della fortificazione; era circa il 1300.
Gioiosa era un punto strategico importantissimo, dalla sua posizione molto alta riusciva ad avere visione del mare e delle coste spaziando dall’Aspromonte calabrese alle isole Eolie, dallo stretto di Messina sino addirittura ad Ustica e, alle proprie spalle, poteva controllare le incursioni da terra dalle zone etnee e dai monti delle Madonie.
Il suo abbandono si deve al terribile sisma del 1783 che in Sicilia macinò vittime e distrusse intere città; c’è da dire, però, che il sisma del 1783 fu il quarto in ordine di tempo che colpì Gioiosa nell’arco di poche decine di anni, pertanto il suo declino era già iniziato e fu reso definitivo dall’ultimo sisma.

Nel 1784 una terribile carestia colpì tutta la zona e impedì di ottenere il raccolto e ci fu anche scarsità d’acqua, motivo per cui la popolazione si rifugiò sulla costa, luogo dove gli approvvigionamenti idrici risultavano più semplici. Il vantaggio fu che ormai i tempi dove i pirati solcavano i mari andava finendo e le città potevano finalmente espandersi o essere rifondate lungo le coste.
La nuova città fu costruita ai piedi del suddetto monte ed oggi è una cittadina costiera molto ben sviluppata, si tratta di Gioiosa Marea e fu fondata nel 1784 e assorbì tutti i cittadini di
Gioiosa Guardia. L’ultimo cittadino che ha abbandonato la città fortificata lo ha fatto nel 1813 sancendo il totale e definitivo abbandono di Gioiosa.
Nel 1784 una terribile carestia colpì tutta la zona e impedì di ottenere il raccolto e ci fu anche scarsità d’acqua, motivo per cui la popolazione si rifugiò sulla costa, luogo dove gli approvvigionamenti idrici risultavano più semplici. Il vantaggio fu che ormai i tempi dove i pirati solcavano i mari andava finendo e le città potevano finalmente espandersi o essere rifondate lungo le coste.
La nuova città fu costruita ai piedi del suddetto monte ed oggi è una cittadina costiera molto ben sviluppata, si tratta di Gioiosa Marea e fu fondata nel 1784 e assorbì tutti i cittadini di
Gioiosa Guardia. L’ultimo cittadino che ha abbandonato la città fortificata lo ha fatto nel 1813 sancendo il totale e definitivo abbandono di Gioiosa.
I ruderi sono visitabili e per giungervi bisogna percorrere una strada in condizioni assai disconnesse che conduce presso dei ripetitori.

Una volta giunti in quella zona va parcheggiata l’automobile e bisogna proseguire a piedi su un sentiero che non è per tutti, ma una volta giunti sulle rovine il panorama che si può ammirare è maestoso da togliere il fiato.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto:
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu