Gibellina - La ricostruzione della memoria - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gibellina - La ricostruzione della memoria

Paesi Fantasma > Italia > Sicilia
Provincia: Trapani
Tipologia: Borgo rurale
Stato attuale: Pochi ruderi
Periodo edificazione: Alto Medioevo
Periodo abbandono: 1968
Motivo abbandono: Sisma (6.1 Richter)
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Libera
Gibellina era uno di quei caratteristici e splendidi centri dell’entroterra siculo che sono stati devastati del terribile terremoto del Belice del 1968.
Il suo nome deriva dall’arabo (Gebel= altura Zghir= piccola) e significa piccola altura.
Le notizie sulla sua origine sono molto frammentarie, secondo alcune indiscrezioni pare sia stata fondata proprio dagli arabi nell’alto medioevo mentre si sa con certezza che il tessuto urbano esistente sino al 1968 sia stato edificato nel XIV secolo intorno al castello costruito da Manfredi Chiaromonte.
Del centro abitato rimane davvero pochissimo, dopo il terremoto fu deciso di ricostruire il paese poco lontano, in contrada Salinella, appartenente al comune di Salemi.
Il sindaco dell’epoca, Ludovico Corrao, tentò di dare un forte slancio turistico alla zona e alla ricostruzione chiamando a sé numerosissimi artisti; il fine era quello di accentrare l’attenzione dell’Italia e del mondo sulla zona facendo diventare Gibellina il centro culturale della Sicilia.
Uno degli artisti chiamato dal sindaco fu Alberto Burri che si rifiutò categoricamente di inserire una sua opera nel nuovo contesto urbano della città e propose, con successo, di realizzare una mastodontica opera sul territorio della vecchia Gibellina.

Fu così che si realizzò il cosiddetto Cretto di Burri, un gigantesco monumento della morte che si sviluppa su tutto il tessuto urbano della Gibellina medievale.
L’opera ha letteralmente cementificato la città, asportando le rovine e ricoprendole di cemento riproducendo vicoli e strade percorribili, adesso, con biciclette o a piedi.
Le macerie del vecchio borgo sono visibili solo nelle zone periferiche e il cretto ha letteralmente cancellato la memoria di un paese come avrebbe fatto un gigantesco cancellino su una lavagna.

C’è da dire che il cretto stesso detiene ancora la fama di una delle opere d’arte contemporanea più estese al mondo.
L’evento che scosse la Sicilia avvenne a metà gennaio del 1968 con una magnitudo di 6.1 Richter, un terremoto molto forte che si abbatté senza pietà su un territorio fragile e già provato.

I morti fortunatamente furono pochi, poco meno di 400 e gli sfollati e feriti, invece, ammontarono a circa 70.000.
Il sisma interessò le province di Trapani, Palermo e Agrigento ed ebbe il suo epicentro proprio nella Valle del Belice, luogo in cui sorgeva Gibellina assieme ad altri paesi letteralmente spazzati via dal terremoto.

Assieme a Gibellina furono rasi al suolo Santa Margherita in Belice, Montevago, Poggioreale e Salaparuta, senza contare tutti i danni ad altri comuni e alle infrastrutture. Addirittura la ferrovia Salaparuta - Castelvetrano fu devastata e mai più ricostruita, era un collegamento utilissimo per chi doveva spostarsi dalle zone interne verso la costa.
Il sisma fu inizialmente sottovalutato dai media, al punto che inizialmente si parlò di pochi danni e case solo lesionate. La visione cambiò quando arrivarono i primi soccorsi dallo stato centrale, in particolar modo ci fu consapevolezza quando fu impossibile raggiungere i centri più colpiti poiché le strade erano state letteralmente inghiottite dalla terra.
La Sicilia ancora non si era ripresa dal dopoguerra e le popolazioni delle zone interne vivevano già in condizioni non esattamente agevoli; il terremoto le provò ulteriormente prolungando l’agonia di una ripresa che il sud Italia, dopo l’invasione sabauda, ha conosciuto solo a tratti.
In galleria si trovano le foto del cretto di Burri e alcune foto della Gibellina devastata; la visione attuale non ci porta ad un paese fantasma bensì al fantasma di un paese che forse meriterebbe, come tutta la valle del Belice, più memoria rispetto al cretto.
[sz-youtube url="https://www.youtube.com/watch?v=fUn1pc7msnw" /]
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Plinio Alessio Pasquali

Immagini storiche:

Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu