Gesso - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gesso

Paesi Fantasma > Italia > Marche
Provincia: Ascoli Piceno
Tipologia: Borgo Arroccato
Stato attuale: Mediocre
Periodo edificazione: Sconosciuto
Periodo abbandono: anni ‘70
Motivo abbandono: Emigrazione
Accesso: Su sentiero
Modalità di visita: Con restrizioni
Gesso è uno splendido borgo abbandonato appartenente, come Tavernelle, al comune di Comunanza.
Il borgo è nascosto nella boscaglia e prende il nome, ovviamente, dal materiale roccioso di cui la zona è caratterizzata e con il quale è stato costruito.
È posto a strapiombo su un crinale dove, nel punto più elevato, sorge l’importante chiesa di San Pietro Apostolo, di origini molto antiche.
Nella sua storia, il borgo appartenne allo Stato di Ascoli durante il medioevo, mentre qualche secolo dopo, durante il periodo di brigantaggio, era inserito nel territorio di Atri.
In seguito a saccheggi e sommosse popolari il borgo ha vissuto una fase assai confusa che si è conclusa dopo il secondo conflitto mondiale, ma da quel momento inizierà un inesorabile e lento abbandono che culminerà, negli anni ’70, con il totale abbandono del luogo.
Da quel momento il tempo ha agito rendendo evidenti i suoi effetti e rendendo il luogo anche abbastanza insidioso.
L’avanzato stato di abbandono comporta i pericoli tipici dei borghi abbandonati, con caduta di tegole e rocce dalle strutture, inoltre, la vegetazione in alcuni punti è molto fitta rendendo difficile il passaggio.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto: Per Maggiori informazioni e per altre immagini si rimanda ad Habitual Tourist - Gesso
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu