Faleria Antica - I piedi fragili del Lazio - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Faleria Antica - I piedi fragili del Lazio

Paesi Fantasma > Italia > Lazio
Provincia: Viterbo
Tipologia: Borgo Castellare
Stato attuale: Vario
Periodo edificazione: IX secolo
Periodo abbandono: XX secolo
Motivo abbandono: Crolli e frane
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Divieto di accesso
Faleria antica è uno splendido borgo del viterbese che, nella sua parte più antica, è stato abbandonato.
È un luogo che ha origini lontane ed un’importanza, almeno in passato, enorme; sorge su uno sperone di roccia fragile, di roccia friabile vulcanica, come le cugine a Bagnoregio e Celleno, e pare sia proprio questa la causa del suo abbandono.
Infatti, è stata edificata una parte nuova, più sicura, e la parte vecchia chiusa e ne è stato impedito l’accesso, generando una strana connivenza fra abbandono e vita che, talvolta, non si sa esattamente dove inizi uno e finisca l’altro.
Se si potesse partire dalla zona più antica, quella dove oramai le costruzioni non ci sono nemmeno più, si potrebbe fare una passeggiata nella storia, riconoscendo, struttura dopo struttura, l’epoca di costruzione. La camminata terminerebbe nella zona adesso abitata, attraverso il medioevo, il rinascimento ed, infine, il moderno.
Ma tutto inizia dal 1290, anno del completamento della cinta muraria che protegge il borgo in ogni suo punto.
Come d’uopo in questi luoghi fortificati, vi è una o poche altre porte d’accesso, a Faleria Antica ve ne è solo una che accompagna alla piazza del paese dove è situata la chiesa di San Giuliano ed il palazzo nobiliare degli Anguillara.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Copyright 2011 - 2019 ©Fabio Di Bitonto All rights reserved tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu