Connio - Vivere fra i ruderi - Paesi Fantasma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Connio - Vivere fra i ruderi

Paesi Fantasma > Italia > Piemonte
Provincia: Alessandria
Tipologia: Borgo rurale
Stato attuale: Vario
Età di edificazione: Sconosciuta
Data di abbandono: Anni ‘60
Motivo dell’abbandono: Spopolamento
Accesso: Su strada
Modalità di visita: Libera
Nel comune di Carrega Ligure, a quasi mille metri di quota, si trova un antico borgo denominato Connio Vecchio, per differenziarlo dal nuovo abitato di Connio.
Questo borgo si trova in alto circondato dalla valle del fiume Careghino, una posizione che gli consentiva facilmente la difesa in caso di attacco.
Connio Vecchio era abbandonato sino a qualche anno fa, quando nessuna delle case era stata ristrutturata, ora c’è uno strano avvicendamento tra ruderi e case nuove.
La parte che risulta ben abbandonata è quella che si estende sulla lingua di roccia a strapiombo sulla valle e presenta ruderi che quasi sembrano in equilibrio sul nulla.
Il motivo dell’abbandono di Connio fu dovuto allo spopolamento; la fondazione fu ad opera di contadini che ivi si trasferirono per coltivare le ricche terre circostanti, ma nel secondo dopoguerra l’attrattiva delle città e delle sue fabbriche ebbe la meglio, condannando di fatto Connio all’abbandono. 
Successivamente, qualche discendente o qualche sognatore, ha deciso di iniziare una ristrutturazione di alcune case a cui poi ne son seguite altre, sino ad avere la situazione attuale di alternanza.
Fondamentalmente le case antiche sono ruderi, sono poche quelle ancora in piedi.
_____________________________________________________________________________________________________________________________________
Articolo: Fabio Di Bitonto

Foto:
Chiunque volesse contribuire al sito può inviare articoli o immagini all'indirizzo di posta paesifantasma@gmail.com

Se invece qualcuno volesse chiedere la rimozione dei propri contenuti dal sito, può seguire lo stesso iter, scrivendo e menzionando nella mail di quali immagini o articolo si tratti.
Torna ai contenuti | Torna al menu